Pregiudizio in corsia

novembre 2, 2007

La regione Toscana ha mandato un questionario agli operatori sanitari in cui a un certo punto “scende nel dettaglio”, come dice il cronista: “E allora si domanda, fra l’altro, se l’omosessualità viene ritenuta “una condizione patologica”, “una scelta della persona”, “una nevrosi su base familiare indotta”, “una variante naturale della sessualità umana” o “un’anomalia genetica recessiva”.

Ora se c’è una regione italiana che sull’omosessualità sta provando a fare un serio lavoro sul pregiudizio, quella è la Toscana. Però… Però… queste domande a cosa puntano? A capire se ce n’è, di pregiudizio, tra gli operatori e poi eventualmente combatterlo? Forse è così, ma mi rimane un retrogusto di inutilità e l’impressione di un cedimento alle guerre ideologiche dell’oggi (si è gay per nascita o per scelta?).

Non sarebbe meglio verificare nel farsi del servizio, “a valle” diciamo, l’esistenza di pregiudizi praticati? Intendo, se uno pensa che io sia un marcio corrotto e vizioso ma poi mi cura bene, chi se ne frega delle sue idee?

Ma detto questo, ce ne fossero di altre Toscane, in questo paese, anche perché è importante che l’omofobo senta la pressione istituzionale sfavorevole al suo pregiudizio.

E io poi, che ho parlato con i miei figli, faccio fatica a spiegare certe cose a un medico, quindi forse ha ragione la Toscana.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: