I “media gay”: belli siete, ma non vi do una lira

marzo 13, 2007

Intanto Vanna Assumma su D La Repubblica delle donne si occupa dei media gay, del loro essere tremendamente di moda ma del pochissimo becchime che trovano quando si tratta di tirar su i fatturati. Peccato che la Assumma non se lo chieda, ma il pezzo è ricco di cose e notizie. Compresi i piani cui lavora Alessandro Cecchi Paone.

Eccolo.

Annunci

Una Risposta to “I “media gay”: belli siete, ma non vi do una lira”

  1. LUCA Says:

    IL FALLIMENTO DI GAY TV PESA SU UN IMPRENDITORIA STOLTA,INCAPACE DI CAPIRE LE NUOVE FRONTIERE DLE MERCATO.FORSE E’ IL BUFFO DESTINO DI UN PAESE ATIPICO.IN INGHILTERRA ED IN SPAGNA CI SONO LE PRIME SEPARAZIONI DA MATRIMONI GAY,QUI SI LOTTA PER UN DI.CO QUALSIASI

    LUCA


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: