Mi tappo il naso, e accetto anche Diaco

marzo 9, 2007

Nel rutilare dei pretesti non bastavano quelli che ti dicono, lavorando, di non avere 30 euro per il viaggio. Ora ci si aggiunge anche il mio amico Y di Milano che mi dice: “non posso più venire, e poi c’è una cosa che mi lascia perplesso, guarda qui chi viene”. E mi manda il link che ne racconta una delle tante combinate dagli organizzatori: Diaco sarà, pare, addirittura sul palco della manifestazione di Piazza Farnese.

Io mi impressiono più per il senatore Zeffirelli, nostro consimile, che dice: “Nessuno è mai stato perseguitato sul lavoro, in Italia, per la sua omosessualità”.

Certo che Diaco fa schifo – sul Foglio ci definì privilegiati e fa spesso battute razziste. Del resto è ciò che di più decente abbia prodotto la destra italiana. Per la verità a me fa schifo anche Cecchi Paone, che conduce la serata: o meglio, per parlare di comportamenti e non di persone: mi dà noia quel suo anticlericalismo neofita e feroce, che scambia la critica della Chiesa con l’insulto, quando lo sento mi viene voglia di andare a messa, per riparare alla sua goffaggine. Però questi alla manifestazione ci vengono.

Cari amici miei, la politica da tempo ha smesso di essere integrale e integralista, per diventare aggregativa, trasversale, dotata di significati più per chi aderisce a una battaglia e a un obiettivo che per il pedigree ideologico di ognuno di noi. Fra Diaco che viene, magari per guadagnare visibilità, e la mitica bella e professionalmente splendida Vittoria di MTV che si dà alla latitanza, beh, ci aiuta più Diaco. L’adesione “non olet”, se è sulla base di una battaglia di diritti: la comprensione di questo aspetto è il contributo migliore che i radicali hanno dato alla politica italiana.

Ma c’è di più, per non mancare e per ritenere saggia questa manifestazione. Proprio ciò che un nostro amico qui disprezzava: la caciara mediatica.

Abbiamo bisogno della caciara mediatica: il silenzio ci uccide e ci manda nell’irrilevanza: è il conflitto che aiuta il dialogo, non il troncare e sopire. Quando combatti un altro, lo riconosci, lo istituisci come tuo avversario, ne legittimi l’esistenza. Convocare questa manifestazione non solo ha permesso, aguzzando la voglia di anchormen e conduttori di ogni genere, di portare la conversazione gay in ogni casa italiana. Ma ha anche scatenato la reazione cattolica. Vogliono fare una grande manifestazione di risposta e ci riusciranno, sol che lo decidano. Perché sono grandi e forti. E avranno così commesso il loro errore capitale.

Perché con quella manifestazione convocata, ci saranno altre due settimane di dibattito in tv e sui giornali, nella rete e nei bar. E la nostra battaglia diventerà sempre più familiare alle persone di ogni ceto. Ognuno potrà chiedersi come sarebbe la vita di un loro figlio, o del figlio della signora del piano di sopra, se invece che clandestini potessero vivere alla luce del sole i propri sentimenti.

Il conflitto politico, se combattutto in regime di democrazia e rispetto delle regole (cosa non garantita in questo paese), permette a te e all’avversario di spiegare le rispettive ragioni. Il conflitto non spacca: dialoga, chiarisce, unisce nel dissenso, che è l’unico modo per vivere in democrazia.

E ancora, tanti mi dicono: si fanno le manifestazioni, e poi cosa cambia? Perderemo questa battaglia, ma sarà valsa la pena combatterla perché avremo informato, fatto discutere, e alla fine questo porterà al successo.

Certo, se siamo come Zeffirelli, che si autodice “deviato” o se invece siamo alla ricerca della manifestazione “seria”, senza complici nella borghesia imperialista delle multinazionali, beh buona crociera col compagno Turigliatto.

Io mi tappo il naso e vado ad applaudire Grillini (Diaco no, è troppo applaudirlo pure)

Annunci

Una Risposta to “Mi tappo il naso, e accetto anche Diaco”

  1. Gatto Nero Says:

    Però Diaco è stato di una pesantezza, ma di una pesantezza…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: