Punti deboli

febbraio 19, 2007
  • “I Dico aiutano i deboli”. Io mi sento oggetto di una discriminazione, non un debole.
  • Io mi sento titolare di un diritto finora negato, non il mendicante di qualche protezione.
  • Io mi sento un cittadino come gli altri, titolare del voto e delle tasse che paga. Non un peccatore da liberare da uno stigma, col consenso estorto a fatica ai Padroni della chiesa.
  • Presidente Prodi, Professor De Rita, Cari Intellettuali Cattolici, sono un uomo come voi. Ho i vostri diritti, alcuni dei quali mi negate, compio tutti i miei doveri, come voi. Ponetevi il problema di riconoscermi ciò che mi spetta. Altro che “luoghi di ricerche infelici”. Si chiama battuage, è il sesso dei froci come voi lo avete disegnato attraverso secoli di paura, discriminazione e vergogna. La facciamo finita o la facciamo finita solo un po’?
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: