La loro voglia di nascondere

dicembre 10, 2006

Dopo tre giorni di brughiere mica tanto gelate (e sì che io se non sento freddo non sto bene), l’unico sentimento che riesco a provare è il rifiuto fisico ben descritto da Mark su Tom . Ho bisogno di leggere, di ascoltare le loro stronzate, per rientrare nel clima e poter dire qualcosa. Ma davvero, tornando da posti dove si vive come gente civile, si fa fatica a reggere “l’ira del vaticano”, come dicono una serie di prime pagine di stamattina.

Ira per cosa?

Continuo a dirmi che bisogna parlare al cattolico vicino per quello che è, al suo cuore, al suo buon senso di padre, che potrebbe avere (o potrebbe aver avuto) un figlio gay. Ma si fa fatica, molta fatica, di fronte a questo attacco preventivo, a questa preemption della morale, perché io saro’ stato fuori, ma una cosa mi è chiara: che la legge non c’è, è solo annunciata. E quelli già sparano.

Non è vero che vogliono azzerare, evitare del tutto la legge. Sanno bene che dovranno ingoiare qualcosa, ma trattano sulla quantità del boccone amaro. Attenzione, cerchiamo di non essere naif: hanno già vinto affossando l’emendamento della finanziaria sulle successioni. Ora fanno la guerra preventiva perché i pacs italiani siano solo norma civile piccola piccola che non incida in nulla sulla visibilità di un modo diverso di vivere l’amore. Fanno la guerra per tenerci nascosti, non per non darci qualcosa.
Eugenio Scalfari nel suo commento di oggi parla sia di Welby che delle unioni dello stesso sesso. Cosa c’entrano l’una con l’altro, dite? Scalfari scrive una frase semplice, che l’amore è uno solo. L’amore di una persona che potrebbe aver tagliato le sue sofferenze di molti giorni, parlo di Welby e che invece vuole morire secondo la legge, e seconda la crisi della legge inumana vigente. E l’amore di chi ama una persona del suo sesso e non vuole vivere dietro le persiane abbassate, e restare l’unico che in un bar non fa una carezza al suo amore. A tuto questo “loro” rispondono: fate, senza farvi vedere.

L’amore per la verità e per la legge giusta sono una sola cosa. La legge nuova è la legge che la sofferenza fa corpo attraverso la visibilità di ciò che prima era nascosto nel “fare senza dire” della prudenza cattolica.

Lo scandalo del “far vedere” la sofferenza rende chiara l’esigenza di una legge umana. Vogliono solo nasconderci, non  eliminarci.

Annunci

Una Risposta to “La loro voglia di nascondere”

  1. kammykaze Says:

    Ben tornato, divertito? Attendo notizie!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: